Lavori

depressione "Apri gli occhi e porta le mani alla fronte"

SINOSSI

Ammalarsi di depressione alla soglia dei cinquant’anni non è facile da accettare. L’importante è prenderne coscienza e avere sia la forza che il coraggio di chiedere aiuto. Questa malattia cancella il presente ed il futuro confinando chi ne soffre, a “vivere” nel passato, soprattutto se questo risulta essere ricco di fatti ed avventure vissute sempre al limite alla continua ricerca dell’adrenalina. Quando è solo a camminare nel parco, basta un niente per riportare quest’uomo ammalato del “male dell’anima” a rivedere e rivivere gli anni della sua adolescenza. Un rumore, un profumo oppure una musica, riescono in un attimo a catapultarlo indietro nel tempo e a farglieli riassaporare, a fargli gustare ogni piccolo singolo dettaglio vissuto nella sua giovinezza. Aiutato da una brava psicoterapeuta specializzata in ipnosi, la sperimenta durante le numerose sedute a cui si sottopone. Questa particolare terapia gli aprirà ancor di più un mondo di affascinanti e a volte dolorosi ricordi confinanti nel suo subconscio. L’ipnosi, lo incuriosisce e affascina, ma nello stesso tempo gli fa paura. Fortunatamente questa malattia, anche se resta pesante e difficile da affrontare, una volta sconfitta, fa un regalo enorme: rende persone nuove! Con coraggio, aiuto e pazienza, si guarisce, e allora tutto torna ad apparire bello e luminoso come non lo è mai stato. Alla fine, è la stessa vita che si può considerare e va presa, come un’unica grande avventura da gustare in ogni suo singolo attimo. Con il giusto aiuto, forza e volontà, anche quella che sembrava la fine può diventare un nuovo inizio.

Guarda il video

Acquista ora